07 agosto Ore 01:38

Restituire a elettori scelta parlamentari con le preferenze, governabilità con premio per coalizione vincente se consegue almeno 40%

9e52fee7-26ae-481a-9a52-2589aace5d89..jpg “Ristabilire il rapporto di fiducia tra i cittadini e i loro rappresentanti, restituendo agli elettori la possibilità di scegliere davvero i parlamentari tramite il sistema delle preferenze e mantenere la governabilità tramite un giusto premio di maggioranza alla coalizione vincente, rispondendo così anche alle possibile censure della Consulta in arrivo in autunno." Ad affermarlo è l’On. Pietro Laffranco, parlamentare del PDL, presentando la propria proposta di riforma della legge elettorale (firmata anche dagli onn. Saltamartini, Di Stefano, Gallo e Catanoso), che giunge dopo una serie di iniziative politiche svoltasi in numerose citta' umbre anche con consistenti raccolte di firme.
“Rappresentatività politica tramite un sistema fondamentalmente proporzionale, governabilità tramite un giusto premio di maggioranza alla coalizione vincente, purché arrivi ad almeno il 40% dei voti onde rispondere alla probabile censura della Corte Costituzionale – specifica Laffranco - e collegamento forte tra eletto ed elettore tramite il sistema delle preferenze, questi restano i princìpi fondamentali di una democrazia matura ed avanzata, oltre chiaramente a garantire una concreta possibilità di ricambio delle classi dirigenti, che non può essere demandata esclusivamente alle scelte interne di ogni singolo partito, bensì alla capacità reale di espressione del consenso popolare.
“La proposta di legge mira, inoltre, - prosegue il deputato PDL - , attraverso la pluralità di indicazione dei candidati, a ridurre alcuni difetti insiti nel sistema della preferenza unica quali ad esempio il peso della capacità economica dei singoli candidati, quello di interferenza di lobby più o meno organizzate e, non in ultimo, quello di organizzazioni illecite che possano pensare di sponsorizzare singoli candidati.
“In ultimo, ma non certo per importanza, - aggiunge Laffranco - nel caso l'elettore scelga di esprimere tutte e tre le preferenze, una dovrà essere attribuita ad un Candidato di sesso diverso dalle prime due."
"Il sistema proposto imperniato su una base proporzionale, rafforzata con l'inserimento delle preferenze, che potranno restituire dignità ai parlamentari non più nominati - conclude il parlamentare PDL - mantiene intatta la sua capacità di garantire la governabilità e l'alternanza poiché il meccanismo del premio di maggioranza resta immutato, anzi col vincolo del 40% potrà favorire preventivamente le aggregazioni, quindi la trasparenza delle scelte nei confronti dei cittadini-elettori.” « Indietro

Condividi l'articolo

Facebook share Twitter share
Cerca nel sito...

Focus on...

You need Flash player 8+ and JavaScript enabled to view this video.
» Guarda il video

Eventi

25/10/2013

Legge elettorale e riforma della Costituzione - Orvieto 28 ottobre ore 18.30

ApertaMenteOrvieto Associazione Culturaleorganizza un incontro pubblico sul tema"Legge elettorale e riforma della Costituzione"lunedì 28 ottobre 2013 ore 18.30presso...
Leggi tutto »

Gallery

Iscriviti alla Newsletter



Seguici su twitter Guardaci su youtube